IMG_1834

Tommaso assente

Assente. Assente non nell’operazione di chirurgia criminale dall’analisi delle ferite, anche perché nessuno aveva osato toccare l’Amico. E nemmeno lui lo toccherà (fidandoci di Giovanni più che di Caravaggio), benché avesse appeso la sua amicizia a quella prova. Non ne ha più bisogno, perché, nella cornice dei volti amici, riesce finalmente a riconoscere l’Amico. «Il volto mi parla e così mi invita ad una relazione che non ha misura comune con un potere che si esercita, foss’anche godimento o conoscenza» [Emmanuel Lévinas]. Assente chi voglia l’esclusiva, perché il volto non si lascia afferrare, ma solo incontrare.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Giovanni

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

[Gv 20,24-29]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved