Tag: #scrivimisulcuore

Vangelo Quotidiano

Fede sold out

Luca non dice cosa vendessero e per un momento io non voglio guardare ai cambiamonete, perché sarebbe troppo facile prendersela con loro.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Fedeltà e pochezza

La fedeltà moltiplica la pochezza, la paura la nasconde. Ci inquieta il poco, perché siamo coscienti di come non ci basti, mai.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Allenamento a terra

I greci temevano che la religione fosse una specie di arrampicata sull’Olimpo, nel frattempo gli ebrei salivano a Gerusalemme e lì, in mezzo ad aspiranti scalatori, arrivano i cristiani che calcano strade e abitano case.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Vedere è lasciarsi guardare

Calcoliamo: un cieco, una guarigione, tutti vedono. Ma che hanno visto questi, per scoprirsi improvvisamente ciechi, bisognosi di vedere?

VAI »
Prediche

Meglio togliere

La scultura è una arte che levando il superfluo dalla materia suggetta, la riduce a quella forma di corpo che nella idea dello artefice è disegnata. Et è da considerare che tutte le figure, di qualunque sorte si siano, o intagliate ne’ marmi o gittate di bronzi o fatte di

VAI »
Vangelo Quotidiano

Ingiusta giustizia

Disumana una giustizia senza un giusto, perché, senza una porta cui bussare, rimane solo un verdetto da pretendere. E, a furia di non vedere i giusti, ci si scopre così soli e indifesi da pensare come unica via possibile quella della vendetta.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Assenza di vita

Non è la morte a provocare l’assenza della vita, ma è l’assenza della vita a provocare la morte: morire non è non poter più andare avanti, ma ostinarsi nel tornare indietro.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Non correre ai ripari

L’apocalisse non è un correre ai ripari, ma un lasciarsi scoprire, perché Dio non è mai andato a nascondersi qui o là, bensì ha preso dimora in me e in te.

VAI »
Vangelo Quotidiano

Ritornare alla salvezza

Forse si può dire di essere salvi non quando si sia liberi di andare, ma quando si sappia di poter tornare. E penso che la confusione nasca a motivo di una certa apprensione da traguardo, che finisce per svalutare il cammino: si ha fretta di arrivare alla fine, così si

VAI »

Copyright 2018 © All rights Reserved