Scendere sulla Croce

esaltazione croceLa Croce è il grande paradosso dell’esistenza dell’uomo. La Croce è il grande punto interrogativo che proietta sui nostri giorni un’ombra, che sembra invalicabile. Ma la soluzione al paradosso l’ha rivelata Colui che nel paradosso ci è entrato in pieno: Gesù. Come si affronta la Croce? In modo paradossale. Non si sale in Croce, ma si scende fino alla Croce. Se la prova è davanti a te, non andare a testa alta, perché non passerai. Abbassa la testa, abbandona l’orgoglio, rinuncia a tutto, rinnega anche te stesso e scendi, scendi fino al punto più doloroso, fino alla fine. E poi? E poi si sale. Se scendi fino alla Croce, allora dopo vieni innalzato. Lì, su quello strano centro dell’orizzonte della storia, quando tutto sembra perduto, scoprirai di essere tu quello ritrovato. Ritrovato dall’abbraccio che trasformerà la condanna in Paradiso.

#scrivimisulcuore

Dal Vangelo di Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved