Più certa e più grande

Grande tentazione quella di misurare la Provvidenza e lo facciamo più spesso di quanto pensiamo. Accade ogni volta che domandiamo e, non vedendo davanti a noi ciò che abbiamo chiesto, ci giriamo stizziti dall’altra parte, come se un contratto non fosse stato rispettato: «io faccio (per quanto possibile) quello che vuoi, e TU fai quello che voglio». Se non c’è segno di esaudimento, subito attacchiamo le lamentazioni dell’infelice tradito. Ma, al rifiuto del segno richiesto, dovremmo piuttosto domandarci: «abbiamo meno di quanto ci aspettassimo, oppure avremo più di quanto ci potessimo aspettare, solo che non riusciamo ancora a vederlo?». La Fede è un cammino dietro un “di più” che sempre rimane nella forma di un “oltre” intuibile, ma non afferrabile; credibile, ma mai pienamente comprensibile. Aveva ragione Manzoni, dando la regola di ogni attraversamento che apra la storia al compimento: «Dio non turba mai la gioia dei suoi figli, se non per prepararne loro una più certa e più grande» [Promessi Sposi, VIII].

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di Luca

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande [καὶ ἰδοὺ πλεῖον] di Salomone. Nel giorno del  giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande [καὶ ἰδοὺ πλεῖον] di Giona».

[Lc 11,29-32]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved