IMG_4676

Operai al tempio

Basta davvero poco per perdersi e finire per diventare gli “osservatori di cantiere”, fuggendo la vocazione di operai della vita. Esperti di nature morte piuttosto che di pietre vive; teoreti di successi, piuttosto che campioni di fatiche; attenti al passato, piuttosto che vigilanti sul futuro. Così ogni caduta è fallimento, ogni illusione è speranza, ogni crisi è terrore. La salvezza non è oltre la vita, ma nel punto più profondo di essa, per questo servono instancabili operai che non discutano di mura, ma si edifichino come tempio, perché solo questo tempio non potrà mai crollare.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo San Luca

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.

[Lc 21,5-11]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved