58D4150A-F669-435C-AD38-0437A6BF0D76

Oltre il dolore

A ridere delle disgrazie altrui non si guadagna poi molto, eppure lo facciamo tutti. Se mi viene da piangere per la prova costume, guardo qualche video che faccia sarcasmo sull’obesità; se ho preso un’insufficienza, subito sposto l’attenzione su chi abbia preso meno di me; se tu hai un problema, mi affretto a farti notare come ci sia qualcuno che se la passi anche peggio. Ma è ben poco cristiano ingannare il male fissando il peggio: il credente non distoglie, ma sorpassa. Se vuoi riconoscere uno che creda, cerca chi abbia il coraggio di fissare il dolore, vedendo oltre.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Giovanni 

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos’è questo che ci dice: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”, e: “Io me ne vado al Padre”?». Dicevano perciò: «Che cos’è questo “un poco”, di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire». Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: «State indagando tra voi perché ho detto: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”? In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia».

[Gv 16,16-20]

don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved