Boy hiding his eyes

Kyrie, eleison!

Non gridano la propria povertà, ma la sua ricchezza: non sono dei disperati questi due ciechi, anzi! Dicono ciò che noi diciamo ancora in ogni Messa: «Kyrie, eleison!». Il verbo eléēo traduce l’ebraico rhm, che si riferisce non al peccato dell’uomo, ma alle viscere di tenerezza materna di Dio. Questo vangelo non ci richiama all’ammissione dei peccati, ma alla confessione della gloria: «Credete che io possa amarvi così (tanto)?». Perché ci salva solo chi ama noi più del nostro stesso peccato.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo San Matteo 

In quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!». Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!». Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi. Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia in tutta quella regione.

[Mt 9,27-31]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved

Molti volti una vittoria

Dal 28 gennaio in libreria!

Play Video