Fine

Ci saranno parole di incomprensione, quelle che amareggiano le viscere e rigano le guance, ma tranquillo: non è subito la fine. Ci saranno parole di delusione, quelle che stringono il cuore e crucciano gli occhi, ma tranquillo: non è subito la fine.

Ci saranno parole di incomprensione, quelle che amareggiano le viscere e rigano le guance, ma tranquillo: non è subito la fine. Ci saranno parole di delusione, quelle che stringono il cuore e crucciano gli occhi, ma tranquillo: non è subito la fine. Ci saranno parole di morte, quelle che pietrificano il respiro e prosciugano le vene, ma tranquillo: non è subito la fine. «ma non è subito la fine»: qui sta tutta la forza e il realismo della speranza cristiana. Perché vittoria non è evitare le parole dure, ma non lasciar loro il gran finale.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Luca

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo».

[Lc 21,5-11]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved