Dono presente

Il presente, dono straordinario del Padre, è la strada, non il traguardo. Non si tratta di attaccarsi al presente, ma di percorrerlo; non si tratta di stringerlo, ma di afferrarlo. Non si tratta di schifare il presente, ma di non soffocarlo; non si tratta si balzarlo, ma di non schiacciarlo. Diciamo che la prima sapienza da domandare è il gusto del compimento, perché la strada è data per arrivare sino a meta. Siamo continuamente tentati di vivere il presente come se fosse tutto, oppure, come se il tutto fosse sempre “domani”. Vuoi sapere come fare a non sbagliare? Guardati bene: se stai correndo nella direzione giusta, il presente deve segnare profondamente i piedi, ma non deve rimanerne traccia sulle mani. Cammina, corri, perché non sei fatto per accamparti e nemmeno per volare, e qualunque strada incontri, ricorda: è il presente, il dono di Dio per il tuo viaggio.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Matteo 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore. La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

[Mt 6,19-23]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved