Al contrario

Alcune cose vanno viste anche al contrario per essere comprese a pieno, come questo Vangelo. «Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono» e sono i Suoi segni, sono i tratti del Suo Volto. Rivoltiamo il calzino: chi abbia la faccia come il Suo Volto, chi gli somigli al punto da poter essere confuso con LUI, questi è colui che crede. Per noi, altrimenti condannati a rimanere semplicemente identici a noi stessi, la Fede è uno specchio tanto potente da mostrare la nostra vera immagine. Chi crede assomiglia, chi crede s’assomiglia. E, se la casa è per eccellenza luogo della reciproca somiglianza, non c’è peccato più grande del renderci orgogliosamente orfani, cocciutamente identici a noi stessi.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Marco

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».

[Mc 16,15-18]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved