Scegliere le rinunce

Le grandi scelte fioriscono dalle ceneri di coraggiose rinunce, perché a mani piene non si afferra un granché. La vita, infatti, è intensa come un salto: un istante di paura e uno di sogno, passaggio dalla mancanza di terra all’esperienza di cielo. (altro…)

Lo splendore dei giusti

I giusti splendono, non imponendo la giustizia, ma lasciandosi salvare da essa. «La virtù produce la felicità come il sole produce la luce», diceva Maximilien de Rebespierre, padre, tra le altre cose, del Terrore. (altro…)

Sapere l’amore

«anche ora so», dice, grintosa come sempre, la sorella tuttofare. Lei che non molla e, mentre Maria si ferma per capire, lei non dimentica di sapere. D’altronde conoscevamo già quanto fossero diverse: una esperta di parola, l’altra di sapori. (altro…)

La responsabilità di appartenerci

Certo siamo salvati per la fortuna di appartenergli, ma questo non ci esonera dal considerare la responsabilità di appartenerci, gli uni gli altri. E se Dio è disponibile ad ascoltare anche l’impudente rivendicazione per quel “nostro” fratello, è sordo a qualunque richiesta, seppur educata, che abbia il “mio” come possessivo.

#scrivimisulcuore

(altro…)

Parola sempre

Ci sono tante ragioni di non ascolto, ma non c’è ragione sufficiente di non parola. «A te grido, Signore, mia roccia, con me non tacere: se tu non mi parli, sono come chi scende nella fossa», implora il salmista, e con lui tutti coloro a cui non solo non è stata data parola, ma a cui non è stata data nessuna parola. (altro…)

Partecipare è vincere

Questo è il Vangelo de “l’importante è partecipare”, perché nel Vangelo partecipare è vincere. Mi sa che qui si fonda la comunione, perché se partecipi per arrivare primo, alla fine vivrai da unico. (altro…)

Seminare tutto

Non si tratta di raccogliere qualcosa, ma di seminare tutto. È una specie di ecologia della vita, fondata sulla fiducia nel dono, piuttosto che nella garanzia del guadagno. Educatore esemplare, il seminatore, capace di dare senza pretendere! (altro…)

Ancora no

“No” e “non ancora”, parole dolorose, quanto necessarie. Eppure chi non dicesse “no” a quel che tu da solo non lasceresti, sarebbe complice del tuo sprecare fiato, fino a non riuscire più a dire “sì” a ciò che conta davvero. (altro…)

Desideri desiderati

Desiderare fa partire, ma solo quando ci si riconosca desiderati si riesce a dire di essere finalmente arrivati. Mondo cieco quello pieno di desideri e vuoto d’amore; cartina muta quella piena di toponimi, ma vuota di incontri. (altro…)

Scegliere

«Vi sbagliate! Io non sono affatto un marito che ha bisogno di una fanciulla straordinaria per essere felice, …e ciò che mi rende felice l’ha ogni fanciulla, e quindi le prendo tutte!» [Don Giovanni, Mozart, nel commento di S. Kierkegaard].

«Mio Dio, scelgo tutto. Non voglio essere una santa a metà, non mi fa paura soffrire per te, non temo che una cosa: conservare la mia volontà. Prendila, perché ‘scelgo tutto’ quello che vuoi tu!…” […] O Gesù, mio Amore… la mia vocazione l’ho trovata finalmente!… La mia vocazione è l’Amore! Sì, ho trovato il mio posto nella Chiesa e questo posto, o mio Dio, sei tu che me l’hai dato: nel cuore della Chiesa, mia Madre, io sarò l’Amore!… Così sarò tutto… così il mio sogno sarà realizzato!!!» [S. Teresa di Gesù Bambino].

#scrivimisulcuore

(altro…)