Sii salario!

Sii salario. Perché il vero “salato” del Vangelo, dunque il vero “sapiente”, quello che non ha smarrito il sapore della vita, ecco questi in realtà è colui che ha saputo farsi salario. (altro…)

È colpa mia.

È colpa mia.

Perché vorrei continuare a giocare
al buono che elimina il cattivo,
ma è urgente che riconosca in me
la cattiveria con la quale non è lecito giocare.

Io, che costruisco lager di diffidenza,
gulag di pregiudizio,
foibe di discriminazione.

Io, fariseo per incoerenza,
settario per indifferenza,
criminale per convenienza.

È colpa mia.

Perché vorrei impegnarmi a ricordare,
senza decidermi a pensare;
vorrei sedermi a giudicare,
senza camminare per cambiare.

Io, che uso gli occhi per bramare,
le mani per ferire,
i piedi per scappare.

Io, nazista per superbia,
fascista per violenza,
comunista per convenienza.

È colpa mia, Signore.

Perché mi piace il mondo in bianco e nero,
quello facile da gestire,
perché sta tutto in un sistema
semplice da capire.

Io, che zittisco il vangelo raccontato dagli altri,
che acceco il miracolo in casa degli sconosciuti,
che chiudo il sepolcro sulle sconfitte del mondo.

Io, il peggiore degli atei,
perché capace di credere
che in qualcuno non ci sia una briciola di bene.

È colpa mia, Signore.

Allora, Signore, facciamo così:
ricordami sempre che è colpa mia,
ma soprattutto, Signore,
ricordami che almeno tu mi hai perdonato.

Amore tiranno

«Non ci seguiva»: come si fa in fretta a deteriorare l’amore in proprietà. È lui, proprio il discepolo amato, a confondere i termini di appartenenza, fino a disperdere i passi della sequela. (altro…)

Discepolato vergognoso

Ti sei mai chiesto quale legame colleghi il Suo annuncio della Passione e il loro gareggiare per essere primi? Temo che la risposta sia elementare: iniziano a litigare per la successione. (altro…)

I want it all

Increduli sono coloro che nella vita pensano che basti “qualcosa”, perché hanno smesso di credere di poter desiderare “tutto”. (altro…)

Senza sperare nulla

Sperare nulla. Indicazione chiara, ma anche terrificante: non significa forse abbandonarsi alla disperazione, cioè all’assenza di speranza? No, perché disperato non è chi non abbia nulla da sperare, ma chi non riconosca nessuno in cui riporre la speranza.

(altro…)

Purché sia unico

Non hai bisogno di mille speranze per vedere la tua vita illuminarsi di nuovo, ma te ne basta una, purché sia unica. (altro…)

Allievo alla lavagna

Sulla cattedra siede chi non abbia smesso di essere allievo e alla lavagna scrive chi non abbia esaurito le domande. (altro…)

La verità si fa strada

La risposta è in cammino. A noi, amanti delle dogmatiche certezze, potrà anche dare fastidio, ma tant’è: non ci sono lezioni ma colloqui, non cattedre ma calli. (altro…)

L’arte di guarire

Posso anche essere bravo, ma per guarirti devo comunque lasciarti il (tuo) tempo di guarire. (altro…)