Month: Ottobre 2018

Stoltezza al centro

È da stolti pensare che si possa offrire qualcosa, senza offrire se stessi; cambiare qualcosa, senza essere disponibili a cambiare seriamente; redimere qualcosa, senza permettere a qualcuno di perdonarci.

VAI »

Molto di più

Sai quando ti accorgi di vivere relazioni malvagie? Quando, a ben pensarci, all’altro non permetti di cambiarti.

VAI »

Talento di parola

A sentir uno parlare, fai in fretta a dire se sia bravo o meno. Ma riempire di parole non è questione di talento, al massimo gioco d’artista.

VAI »

La condizione peggiore

Se vivi nel peccato finisci per credere che la santità non sia cosa per te, che sia troppo lontana e che, tutto sommato, non valga nemmeno la pena ammirarla.

VAI »

L’uovo e lo scorpione

Facciamo insieme un piccolo esercizio. Pensa cosa vorrebbe dire chiedere un uovo e trovarsi uno scorpione; bene, ora pensa a quella volta in cui tu hai chiesto un “uovo” e ti sei trovato uno “scorpione”.

VAI »

Con riconoscenza e riconoscimento

Due aspetti mi colpiscono in questo racconto, mettendo seriamente in discussione la mia preghiera. Primo: gli chiedono di imparare a pregare perché lo vedono pregare.

VAI »

La delusione che non serve

Povera Marta: che bella delusione d’amore! Ha fatto di tutto per LUI: lei lo ha invitato, lei ha preparato la casa, lei ha cucinato il pranzo, lei ha servito la tavola, lei ha riordinato tutto. E Maria?

VAI »

Prossimità è attrazione

La prossimità è il gesto d’amore più autentico ed è anche il più semplice. Non richiede una particolare formazione, non conosce strategia, non ha bisogno di particolari condizioni per la messa in opera, non si appesantisce di previsioni di utile.

VAI »

Divino, non lecito

Ciò che è lecito si può provare, ciò che è divino va creduto. Forse è su questa roccia, su questa fede, che inciampano i pigri piedi del fariseo che è in noi, perché il viaggio ci ispira, ma la poltrona ci imprigiona.

VAI »

Felici e beati

A noi, mendicanti di quotidiane buone sorti, il Vangelo di oggi presenta due vere e proprie Grazie che già sono per noi: la gioia di saperci scritti nel Cielo e la beatitudine di poterlo seguire. Felici e beati noi dunque, non adesso ma per sempre, non oggi ma ogni giorno.

VAI »

Copyright 2018 © All rights Reserved