Month: Giugno 2018

Gratis

“GRATIS”, ecco l’unico avviso parrocchiale ammesso tra le bacheche delle nostre chiese. D’altronde chi di noi ha pagato o paga la vicinanza di Dio? Chi di noi ha pagato o paga la vicinanza dei fratelli? Perché, casomai non fosse chiaro, il vero prodotto che dobbiamo piazzare sul mercato del mondo

VAI »

Quale racconto?

È il racconto della vita quello che è rappresentato in questo Vangelo, a prima vista un po’ raffazzonato. Tre tappe, tre domande, da porsi sempre: dalla sera del giorno, alla sera della vita. Premessa al racconto: ma tu vivi per sfamarti, a costo di affamare altri, o per ridurti alla

VAI »

Tu sei casa

Forse la natalità è diventata un problema (il problema) nel momento in cui ciascuno di noi ha smesso di essere casa per l’altro. E smetti di essere casa quando parli, cercando che cosa dire; quando compri cercando cosa regalare; quando stringi cercando come avvicinarti. Invece è casa chi sappia tacere,

VAI »

Il coraggio del cuore

«Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce», diceva il grande Blaise Pascal e questo Vangelo ne è la prova eloquente. Non può che essere scritto col cuore, più ancora che con la ragione, un brano che parli di un morto, che abbia il coraggio di mettere

VAI »

Grande l’uomo!

Quanto è grande l’uomo! Grande, perché capax Dei, capace di Dio: «poiché ama la conoscenza e conosce l’amore, il verbo è nell’amore e l’amore nel verbo, e tutti e due nello spirito che ama e che dice il verbo […] Proprio per questo [l’uomo] è immagine di Dio, perché è

VAI »

Piangi?

Una cosa mi chiedo: ma uno di questi protagonisti avrà pianto il proprio fratello, o almeno uno avrà provato compassione per quella vedova? Perché tutti vogliono capire il caso, ma nessuno pare interessato a comprendere la persona. Credono nel “dio dei morti”, perché le regole gli ghiacciano il cuore, il

VAI »

La verità in faccia

“Dici la verità perché non guardi in faccia”; “Bene, di chi è questa faccia?”. Basterebbe questo scorcio di dialogo per riappropriarci della semplice straordinarietà del realismo cristiano: credere non è vedere altro, ma vedere meglio.

VAI »

L’amore difende

Un uomo ha amato questa vigna, ed essa è diventata casa per molti; alcuni uomini hanno bramato questa vigna, ed essa è diventata trincea per pochi. L’amore apre, la bramosia chiude, perché la prima fecondità dell’amore vero non è tanto quella che conduca al parto, ma all’accoglienza. L’amore è fecondo

VAI »

L’albero radicato nel cielo

Solo la luce che ininterrottamente discende dal cielo fornisce a un albero l’energia che fa penetrare a fondo nel terreno le possenti radici. In verità l’albero è radicato nel cielo. Solo ciò che proviene dal cielo è in grado di imprimere realmente un marchio sulla terra. [Simone Weil]

VAI »

Il rischio di rispondere

La Fede è il rischio di rispondere, non il premio per la risposta giusta. Perché la risposta giusta c’è sempre, ma molto spesso non ha tanto le sembianze di un pacco, quanto quelle di un viaggio. La Fede non è “il Tuo regalo per me”, ma “il mio viaggio con

VAI »

Copyright 2018 © All rights Reserved