Month: Gennaio 2018

clamasti, ovvero la vocazione
DALLA PAROLA

Clamasti, ovvero la vocazione

Quando mi chiama? Perché mi chiama? Come capire la mia chiamata? Uno dei temi più dibattuti, specie in vista del Sinodo: la vocazione. Vocazione è un agire primo di Dio: clamasti. Allora e solo allora, la vocazione assume i tratti e la responsabilità della risposta. * ritiro MOVIMENTO LITURGICO GIOVANILE, Le

VAI »

Vorrei

Vorrei avere la fame appassionata di Simone, per mendicare da un Altro uno sguardo di tenerezza e un nome come certezza. Vorrei avere il cuore semplice e gli occhi profondi di Andrea, per dire a tutti: «Eureka: è proprio LUI!».

VAI »

Acqua e vino

Giovanni guarda, Gesù cammina; Giovanni riconosce, Gesù cerca; Giovanni è acqua, Gesù è vino. Perché il nostro cammino è LUI che ci cammina incontro: occhio ai (Suoi) piedi, perché la vita di Grazia è quella che lega il nostro vedere al Suo venire!

VAI »

Non io!

È refrattario a parlare di sé, come se non ce ne fosse il tempo, così, quasi scorbutico, spegne il riflettore della curiosità con un secco: «non io!». L’urgenza evangelica parla solamente il linguaggio della profezia che non cerca “la trovata”, ma cerca di farLo trovare.

VAI »

Luminoso quanto l’ombra

Vivo tra forme luminose e vaghe che ancora non son tenebra. […] Questa penombra è lenta e non fa male; scorre per un mite pendio e somiglia all’eterno. […] Dovrebbe impaurirmi tutto questo e invece è una dolcezza, un ritornare.

VAI »

Copyright 2018 © All rights Reserved