Se tutti fossero profeti

Michelangelo coglie Geremia in un gesto bellissimo. Lui che da giovane fu toccato sul labbro da una Parola che gli cambiò la vita, giunto alla vecchiaia si tocca ancora le labbra, quasi come un incredulo bisognoso di “sentire” ciò in cui crede. Forse è proprio questa la profezia: raccontare la carne che l’ha incontrato. I profeti non hanno soprattuto visioni, ma raccontano come Dio guardi i suoi figli.

Ecco le registrazioni del percorso di lectiones divinæ dell’Anno 2016-17. (altro…)