proprio io

Proprio io

Forse c’è un terreno
che attende il nostro
impetuoso coraggio,
perché siano cacciati
gli UCCELLACCI,
che gli rubano la vita.

Forse c’è un terreno
che attende la nostra
indefessa fatica,
perché siano rimossi
i SASSI,
che, incantando, tolgono profondità.

Forse c’è un terreno
che attende il nostro
sanguigno sacrificio,
perché siano estirpati
i ROVI,
che dilaniano il realismo dei sogni più grandi.

Forse il terreno
è BUONO,
perché qualcuno
si è consumato in bontà per lui.

E forse
quel qualcuno oggi
potrei e dovrei
essere proprio io.

[meditando, sotto la guida di San Giovanni Bosco, Mc 4,1-9]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved