Il solo

Non voglio sembrare blasfemo, ma ciò che rende autentico il primo comandamento è la presenza del secondo. Intendo dire: che me ne farei di un “primo” comandamento, se non ci fosse anche un “secondo” comandamento? E qui sta la regola fondamentale della legge di Dio: il primo comandamento non può essere il secondo e, al contempo, non può (re)esistere senza di esso. Dio non ha bisogno di sudditi che lo isolino, ma di figli che lo amino: ha chiesto di essere “il solo”, non “da solo”. Ed ecco che il Tempio santo assume i contorni casalinghi del focolare attorno al quale una moltitudine di fratelli si riconoscono uniti sotto lo sguardo di un solo Padre.

#scrivimisulcuore

+ Vangelo di San Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

[Mc 12,28b-34]

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved