Month: Aprile 2018

Odore di profumo

Non ci si rivela ad un estraneo: la conoscenza è cosa di casa. Ami l’altro quando decidi di prendere dimora, cioè quando la smetti di essere un vagabondo del sentimento e cominci ad essere uno scultore della passione. E sai cosa c’è di bello di questa dimensione casalinga? L’aggiunta di

VAI »
Forse solo Dio basta
Poesie

Forse solo Dio basta

La sfida del radicamento si gioca nell’agone del raccolto, della potatura e dell’inverno, perché la domanda della vita nella Vite si esprime così: solo Dio basta? Ma, se IO fossi per te raccolto, e mi presentassi a te proprio nel pieno della maturazione del colore e del profumo e, senza

VAI »

Quanto basta

Pane quanto basta [Gv 6,7], Padre quanto basta [Gv 14,8]. Questo è Filippo: un discepolo bravo quanto basta. Ma basta davvero? Perché c’è, sotto sotto, un’umiltà umiliante, cattiva consigliera, che misura la vita sulla sufficienza del necessario, senza mai sbilanciarsi sulla traboccanza del gratuito. Questo ci basta davvero: ciò che

VAI »
Lussuria, castità, scienza
DALLA PAROLA

Lussuria, castità, scienza

Guardare con lo stupore innamorato che rende Dio amante della vita, di ogni vita; stringere senza possedere; accogliere tutto, senza chiedere niente. È la sfida dell’amore, che unico vince il peccato che continuamente priva di fecondità il respiro del mondo. Passi difficili, certo, ma noi siamo stati creati campioni. Ma

VAI »

Seguire senza guidare

Sai cos’è amore? Seguire uno, senza volerlo mai guidare. Forse per questo l’amore è cieco, per assicurarsi che tu non possa sapere dove si vada e ti venga in mente di fare strada.

VAI »

Piedi profumati

Secondo me i piedi dei discepoli non sono mai stati tanto profumati. Ne sono convinto, perché altrimenti non avrebbero mai trovato motivo sufficiente per girare il mondo intero per ripetere lo stesso gesto: lavare i piedi.

VAI »

Per il mondo intero

Questo è il Cristianesimo: un nulla che, essendo completamente Suo, è destinato alla totalità. Quanti sono, mentre affida loro la missione? Undici. Eppure in ciascuno di essi si fa strada con chiarezza la missione universale.

VAI »

Vocazione martello

È la festa della Dedicazione. È festa perché un uomo, Giuda Maccabeo, forte come il “martello” di cui porta il nome, non ebbe il benché minimo tentennamento a distruggere tutto ciò che non fosse Dio.

VAI »

Guardare dalla porta

C’è chi guarda il gregge dal punto più basso del recinto; non gli interessa radunare e condurre, perché l’obiettivo è trovare la strada più facile per prendere le pecore. C’è chi guarda il gregge dalla fessura che fende la porta de recinto; non gli interessa conoscere e custodire, perché l’obiettivo

VAI »

Tu appartiene alla voce

L’appartenenza non è questione di un nome che mi sia stato dato, ma di una voce cui mi sia chiesto continuamente di dare ascolto. Perché un nome, alla cui voce non si presti ascolto, è come una bestemmia che invoca per mettere a tacere. Tu appartieni alla voce che ascolti,

VAI »
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
don Carlo Pizzocaro

Sono nato il 16 luglio 1987 a Lanzo Torinese da Gemma Teppa e Giannino Pizzocaro, secondogenito, dopo mio fratello Alberto.

Iscriviti alla newsletter!

Copyright 2018 © All rights Reserved