Month: Gennaio 2016

Applausi al Genio

Applausi a Gesù. Gesù che guarisce, che predica bene, che dice cose belle, che aiuta chi soffre, che viene comodo quando ti manca il pane o quando hai finito il vino, che è un mito quando mette la pezza sul tuo poco impegno che ti sta per costare un fragoroso

VAI »

Tempesta perfetta

«Scusa, faccio tardi al lavoro…». «Lascia perdere vengo a prenderti». Mette giù il telefono. È da un po’ che le cose non funzionano con lei. Pare non si riescano più a capire, sembra quasi che non si conoscano nemmeno più: perché lei non si ricorda che quell’appuntamento è fondamentale per

VAI »

Al limite TI incontro

Puoi comprare tutti i campi del mondo, ma non potrai mai comprare il loro fruttificare. Puoi comprare tutti i semi del mondo, ma non potrai mai comprare la loro crescita. L’uomo è limitato: noi siamo limite.

VAI »

La candela fuori, grazie!

Una piccola candela in mano. La guardava: era il suo piccolo tesoro perché, lo sapeva, il mondo fuori era buio. Avrebbe voluto stare lì, a lasciarsi riempire di luce gli occhi e di calore le mani, ma lui la guardò, sorrise e con voce amorevole le disse: «penserai mica che

VAI »

Vita da (Bian)coniglio

«È tardi, è tardi, sai? Io sono già in mezzo ai guai!» È la proverbiale frase del Bianconiglio. Ma che cosa avrà da fare di così importante? Sinceramente non l’ho mai capito, ma forse nemmeno lui lo sa: sa solo che è tardi, che è di corsa e non può fermarsi.

VAI »

Il fratello è il primo giorno

Il primo giorno di scuola è tragico per tutti: è un po’ il primo banco di prova della vita. Mamma e papà ti aiutano a prepararti al meglio, vestito di tutto punto e attrezzato con quello zaino, che in mezzo a tutti gli altri ti pareva il più bello. Anche

VAI »

Fare di nuovo nuovo

Children’s Hospital, Pittsburgh: è Halloween ed è ora di pulire i vetri delle facciate esterne. Dietro quelle pareti che chiedono di tornare perfettamente trasparenti, i volti di bambini malati che chiedono di tornare incredibilmente sorridenti.

VAI »

AAA cercasi diapason

Mi impressiona pensare che qualunque persona apra il Vangelo di oggi venga chiamato “Teofilo”, cioè “amico di Dio”. Mi impressiona perché a volte me lo dimentico: non c’è uomo che, al di là delle apparenze, non desideri profondamente questa amicizia con Dio. Che cosa gli manca, dunque, per credere?

VAI »

Tu sei proprio fuori!

Un padre è tale quando è ridotto alla fame: non ha più tempo per cercare cibo, dal momento che tutto il suo tempo lo spende per essere cibo.

VAI »

Il mio marshaller

Non vai lontano se non hai nessuno che pronunci il tuo nome e ti dica «seguimi». Perché i tuoi passi possono correre sicuri, pronti a scattare e volare in alto solo su strade certe e l’unica strada di cui ti puoi fidare è l’altro.

VAI »

Copyright 2018 © All rights Reserved